Warning: Undefined array key "banner_description_tag" in /home/gianluc/public_html/wp-content/themes/spasalon/functions/template-tag.php on line 46

Netcomm 2024 – il mio pensiero

Ieri, giovedì 9 maggio 2024, sono stato al netcomm, per me è stata la seconda esperienza di persona e la terza se consideriamo la versione online durante il covid.

Cosa mi porto a casa e cosa ho notato di diverso rispetto alle precedenti edizioni?

A casa oltre ad una mole incredibile di gadget 🙂 mi sono portato numerose chiacchierate stimolanti.
Il mio scopo era andare a fare networking, incontrare vecchie conoscenze e farne di nuove per poter ampliare le collaborazioni, quindi da questo punto di vista posso reputarmi soddisfatto, nella speranza possano appunto nascerne di nuove.

Rispetto alle vecchie edizioni a cui ho assistito, mi è sembrata più grande, nel senso che mi pareva ci fossero più stand e più agenzie che ancora non conoscevo nonostante bazzichi il settore da ormai 10 anni.

Che novità ho trovato in ambito tecnologico?

Le uniche novità che mi è parso di notare sono sostanzialmente 2, la nascita di piattaforme per integrare e-commerce con crm e le notifiche push associate ai siti web / e-commerce.
Onestamente mi aspettavo qualcosa di più in ambito intelligenza artificiale, ho visto che in qualche speach, se ne è parlato, ma niente di rivoluzionario. L’ambito di integrazione in cui viene più usata l’ai per ora è l’adv.

Per il resto gli argomenti sono sempre i soliti a tenere banco:

  • omnichannel
  • marketplace
  • machine learning

Come sono stati gli speach?

La riassumerei con “tante marchette e poca sostanza“, che per carità si pagano un sacco di soldi per poter presenziare e salire sul palco quindi è normale farsi pubblicità, si è li per questo.
Però da spettatore che assiste uno speach mi aspetto di uscirne arricchito di conoscenza. Inoltre una cosa che ho notato la poca enfasi da parte di chi stava sul palco.
Ho apprezzato invece la mattinata del 8 maggio in plenaria, che ho avuto modo di seguire live, mentre proseguivo la mia attività lavorativa da casa.

Un ringraziamento speciale lo devo fare a Banca Sella, main sponsor del netcomm, che ha supportato la mia partecipazione all’evento.

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

Le fasi di progettazione di un e-commerce

Cosa è importante sapere quando si decide di creare un e-commerce?

  1. Analisi delle Esigenze e Definizione degli Obiettivi:
    • Identificazione del mercato di riferimento e delle esigenze dei potenziali clienti.
    • Definizione degli obiettivi del sito, come vendite online, generazione di lead, branding, etc.
  2. Ricerca e Analisi della Concorrenza:
    • Studio dei competitor per comprendere le loro strategie, punti di forza e debolezze.
    • Identificazione delle opportunità e dei gap nel mercato.
  3. Definizione dell’Architettura dell’Informazione:
    • Progettazione della struttura del sito, inclusi categorie di prodotti, sottomenu, ecc.
    • Creazione di mappe concettuali e wireframe per visualizzare l’organizzazione delle informazioni.
  4. Progettazione dell’Interfaccia Utente (UI):
    • Creazione di un design accattivante, intuitivo e coerente con il brand.
    • Sviluppo di mockup e prototipi per visualizzare l’aspetto e il comportamento del sito.
  5. Sviluppo e Implementazione:
    • Codifica delle funzionalità del sito, inclusi carrello degli acquisti, sistema di pagamento, funzioni di ricerca, ecc.
    • Integrazione di sistemi di gestione dei contenuti (CMS) e di gestione degli ordini (OMS).
  6. Test e QA (Quality Assurance):
    • Verifica e correzione di eventuali bug o problemi di funzionamento del sito.
    • Test di usabilità per valutare l’esperienza dell’utente e identificare eventuali aree di miglioramento.
  7. Lancio e Promozione:
    • Preparazione del sito per il lancio ufficiale, inclusi aspetti come hosting, registrazione di dominio, SSL, ecc.
    • Implementazione di strategie di marketing per promuovere il sito e generare traffico, come SEO, pubblicità online, social media marketing, ecc.
  8. Monitoraggio e Ottimizzazione:
    • Monitoraggio delle performance del sito attraverso strumenti analitici come Google Analytics.
    • Analisi dei dati per identificare aree di miglioramento e opportunità di ottimizzazione.
    • Iterazioni continue per adattare il sito alle esigenze del mercato e migliorare le conversioni.

Queste fasi costituiscono un processo di progettazione e sviluppo completo per un e-commerce di successo. Ogni fase richiede attenzione ai dettagli e collaborazione tra diverse figure professionali, come designer, sviluppatori, esperti di marketing e analisti di dati.

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

Magento 2 deploy senza down del sito

È da qualche tempo che sono iscritto alla newslettere di MageFan, i giorni scorsi consigliavano questo loro plugin.

Non ho avuto modo di provarlo ancora, ma se dovesse capitare l’occasione farò sicuramente una recensione. Mi sembra molto utile però da sottoporre alla vostra attenzione per tutti i clienti che si lamentano del sito che deve andare off quando si fanno dei rilasci.

Di seguito vi riporto le principali caratteristiche e vantaggi:

  • Nessun Downtime: Evita il blocco del sito durante gli aggiornamenti e le distribuzioni, garantendo un’esperienza utente senza interruzioni.
  • Distribuzione Automatica: Configura i webhooks per distribuire automaticamente le modifiche da GIT senza necessità di intervento manuale.
  • Compatibilità Universale: Funziona con tutti i server web, inclusi Apache e Nginx, e supporta Redis e Varnish.
  • Facile da Usare: Un’interfaccia intuitiva ti permette di gestire facilmente le distribuzioni senza dover affrontare complessi processi di configurazione.
  • Miglioramento delle Prestazioni: Mantieni il tuo sito veloce e reattivo, anche durante gli aggiornamenti più impegnativi.

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

9 plugin utili per Woocommerce

Dopo aver fatto l’articolo in cui vi consiglio i 9 plugin utili per WordPress, 9 plugin utili per Magento2, non poteva mancare quello per Woocommerce.

  1. WooCommerce Subscriptions: Consente di offrire prodotti e servizi con pagamento ricorrente, come abbonamenti mensili o annuali, ai tuoi clienti, fornendo un modo semplice per gestire i pagamenti periodici e le rinnovazioni automatiche.
  2. WooCommerce Product Add-Ons: Permette di offrire opzioni aggiuntive o personalizzazioni ai tuoi prodotti, consentendo ai clienti di personalizzare i loro ordini con ad esempio colori, taglie o testo personalizzato.
  3. WooCommerce Bookings: Consente di vendere prenotazioni, appuntamenti o affitti online, consentendo ai clienti di prenotare direttamente attraverso il tuo sito web, con funzionalità per la gestione del calendario e delle disponibilità.
  4. WooCommerce Memberships: Consente di creare un programma di membri o un’area riservata ai clienti sul tuo sito, offrendo contenuti, prodotti o sconti esclusivi a chi si iscrive al programma di membership.
  5. WooCommerce Dynamic Pricing & Discounts: Permette di implementare prezzi dinamici, sconti e promozioni personalizzate in base a regole specifiche come quantità di acquisto, gruppi di clienti o prodotti selezionati, per aumentare le vendite e incentivare i clienti.
  6. WooCommerce Product Bundles: Consente di creare pacchetti o bundle di prodotti, permettendo ai clienti di acquistare più articoli insieme a un prezzo scontato, stimolando l’acquisto e aumentando il valore medio dell’ordine.
  7. WooCommerce Product Reviews Pro: Potenzia le recensioni dei prodotti aggiungendo funzionalità avanzate come recensioni verificate, richieste di recensioni post-acquisto, risposte ai commenti e altro ancora, per migliorare l’engagement e la fiducia dei clienti.
  8. WooCommerce EU VAT Compliance: Aiuta a gestire la conformità normativa relativa all’IVA nell’Unione Europea, calcolando automaticamente l’IVA in base alle regole fiscali specifiche per ciascun paese, facilitando la vendita a livello internazionale.
  9. WooCommerce Product CSV Import Suite: Semplifica l’importazione di grandi quantità di prodotti nel tuo negozio WooCommerce tramite file CSV, consentendo di aggiornare facilmente l’inventario, i prezzi e altri dettagli dei prodotti.

Questi plugin possono migliorare significativamente le funzionalità del tuo negozio WooCommerce, offrendo una maggiore flessibilità e una migliore esperienza di acquisto per i tuoi clienti. Assicurati di scegliere quelli che meglio si adattano alle esigenze del tuo negozio e agli obiettivi di vendita.

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

9 plugin utili per Magento 2

Dopo aver fatto l’articolo in cui vi consiglio i 9 plugin utili per WordPress, era d’obbligo farlo anche per Magento 2.

  1. Magento 2 One Step Checkout: Semplifica il processo di checkout riducendo il numero di pagine e campi richiesti per completare un ordine, migliorando così l’esperienza utente e aumentando le conversioni.
  2. Magento 2 SEO Suite Ultimate: Ottimizza il tuo negozio online per i motori di ricerca, fornendo strumenti per la gestione dei meta tag, la creazione di sitemap XML, l’ottimizzazione delle immagini e altro ancora, per migliorare la visibilità e il posizionamento nei risultati di ricerca.
  3. Magento 2 Advanced Reports: Offre report dettagliati e personalizzabili sulle vendite, il traffico del sito, le prestazioni dei prodotti e altro ancora, per consentirti di monitorare e analizzare le metriche chiave del tuo negozio e prendere decisioni informate.
  4. Magento 2 Social Login: Semplifica il processo di registrazione e accesso per i clienti consentendo loro di accedere al tuo negozio utilizzando i loro account social media preferiti, migliorando così l’esperienza utente e aumentando le conversioni.
  5. Magento 2 Reward Points: Implementa un sistema di punti fedeltà che premia i clienti per gli acquisti e altre azioni, incoraggiando la fedeltà e il ritorno degli utenti al tuo negozio.
  6. Magento 2 Abandoned Cart Email: Recupera i carrelli abbandonati inviando automaticamente email di follow-up ai clienti che hanno lasciato il sito senza completare un acquisto, incoraggiandoli a tornare e completare l’ordine.
  7. Magento 2 Product Questions: Consente ai clienti di fare domande sui prodotti direttamente dalle pagine dei prodotti e aiuta a fornire risposte tempestive, migliorando l’esperienza degli acquirenti e aumentando la fiducia nei confronti del tuo negozio.
  8. Magento 2 Product Reviews & Ratings: Incoraggia i clienti a lasciare recensioni e valutazioni sui prodotti acquistati, fornendo feedback utili agli altri acquirenti e migliorando la credibilità e l’affidabilità del tuo negozio.
  9. Magento 2 Automatic Related Products: Mostra automaticamente prodotti correlati o complementari sui pagine dei prodotti, aiutando i clienti a scoprire nuovi articoli e aumentando le vendite attraverso cross-selling e up-selling.

Questi sono solo alcuni dei plugin utili disponibili per Magento 2. Assicurati di fare ricerche approfondite e scegliere quelli che meglio si adattano alle esigenze del tuo negozio e degli utenti.

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

L’impatto nascosto degli e-commerce sull’inquinamento

Nella Giornata della Terra di quest’anno 22/04/2024, mentre celebriamo il nostro pianeta e riflettiamo sull’importanza della sostenibilità ambientale, è cruciale esaminare da vicino l’impatto spesso nascosto degli e-commerce sull’inquinamento globale. Sebbene l’e-commerce abbia reso più comodo lo shopping e ridotto la necessità di spostamenti fisici, ha anche generato una serie di problemi ambientali che richiedono attenzione.

Imballaggi e rifiuti: Uno degli aspetti più evidenti dell’impatto ambientale degli e-commerce è rappresentato dagli imballaggi. Ogni prodotto acquistato online viene spesso consegnato in una scatola protettiva, confezioni in plastica o materiali di riempimento che, se non adeguatamente riciclati o smaltiti, possono contribuire significativamente ai rifiuti e all’inquinamento ambientale.

Trasporti e gas serra: La spedizione dei prodotti acquistati online richiede trasporti, che a loro volta generano emissioni di gas serra e altri inquinanti atmosferici. I veicoli utilizzati per la consegna, spesso alimentati da combustibili fossili, possono contribuire in modo significativo all’aumento dell’inquinamento atmosferico e all’effetto serra.

Consumo energetico: Gli e-commerce richiedono una vasta infrastruttura tecnologica, compresi server, magazzini automatizzati e dispositivi di elaborazione delle transazioni, che richiedono energia per funzionare. Se questa energia non è proveniente da fonti rinnovabili, può contribuire alle emissioni di gas serra e all’uso inefficiente delle risorse energetiche.

Suggerimenti per una maggiore sostenibilità: Tuttavia, ci sono modi per mitigare l’impatto ambientale degli e-commerce. Le aziende possono adottare pratiche più sostenibili, come l’utilizzo di imballaggi ecologici, l’ottimizzazione delle rotte di consegna per ridurre le emissioni e l’investimento in energie rinnovabili per alimentare le operazioni. I consumatori possono anche fare la propria parte, facendo scelte consapevoli, preferendo aziende che adottano pratiche sostenibili e riducendo il numero di resi.

Conclusione: In conclusione, mentre riflettiamo sulla bellezza e la fragilità del nostro pianeta in occasione della Giornata della Terra, è importante considerare l’impatto degli e-commerce sull’inquinamento globale. Solo attraverso un impegno congiunto delle aziende e dei consumatori per adottare pratiche più sostenibili possiamo sperare di proteggere il nostro ambiente per le generazioni future.

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

Dall’e-commerce all’ai-commerce

Questa mattina ho avuto il piacere di partecipare ad un Webinar tenuto da Indago.ai in collaborazione con Davide Casaleggio.

Nell’ora di webinar si è visto un pò come è cambiato il modo di vedere il commerce da quando sono nati i primi ad oggi, in base a delle statistiche realizzate annualmente dalla Casaleggio Associati. Si è parlato del boom dei commerce durante il periodo del covid e quanto accaduto subito dopo con la crescita dell’inflazione:

Come possiamo notare ne ha risentito solo il settore dell’elettronica, che però si era andato a saturare di vendite proprio durante il periodo della pandemia.

Si è quindi iniziato a discutere di come secondo gli interessati del settore commerce, pensino sia rilevante l’ai negli anni a venire sull’e-commerce.
Come si può vedere dal grafico di seguito per molti ha già avuto un grande impatto, il quale nel giro di 5 anni andrà a pareggiarsi. Questo vuol dire che il momento di integrare questo tipo di tecnologie per velocizzare i propri processi e non restare indietro è proprio ora.

Nella schermata di seguito invece possiamo notare quali sono i principali utilizzi fatti:

Questi i processi che potranno essere ottimizzati e migliorati tramite l’ai:

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

Come installare Woocommerce

Cosa è Woocommerce?

Woocommerce è un plugin di wordpress, che trasforma il tuo blog in un e-commerce. Non essendo una piattaforma nativa per questo tipo di funzione, io personalmente la consiglio per e-commerce medio piccoli. Quindi con pochi prodotti e pochi ordini. Se il tuo commerce è già più grande conviene valutare altri cms.

Dove lo posso scaricare?

Il plugin è possibile scaricarlo qua: https://it.wordpress.org/plugins/woocommerce/

Come si installa?

Lo zip che viene scaricato, deve essere estratto, la cartella va poi copiata nel seguente percorso presente sul nostro wordpress già installato (Vedi anche Come installare WordPress):

wp-content/plugins/woocommerce

A questo punto dobbiamo fare login nel nostro admin di wordpress, raggiungibile al seguente link:

http://www.testwordpress.test/admin

Cliccando sul menu “Plugin” => “Plugin installati

Arriviamo nella tabella con le info dei plugin, come si può vedere dallo screen di seguito, abbiamo quello di wordpress che dovremo andare ad attivare cliccando su “Attiva“.

Di seguito possiamo vedere le schermate delle configurazione che verrano mostrate dopo l’attivazione, negli screen si potrà vedere la configurazione base.

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

Piattaforme e-commerce più usate in Italia

Oggi mi chiedevo come stesse andando il mercato e-commerce, dal punto di vista delle piattaforme usate in Italia.

Da quello che si nota dal grafico riportato su questo sito: https://trends.builtwith.com/shop/country/Italy
aggiornato al 21/03/2024, quindi molto recente rispetto a quando sto scrivendo questo articolo, la piattaforma più usata pare sia Woocommerce, troviamo Magento solo in 7 posizione, dietro anche a Prestashop. Ovviamente mi aspettavo tutte le piattaforme in abbonamento, dove l’utilizzo di un team di sviluppo e minimo se non nullo, è nelle prime posizioni in quanto ovviamente se si deve avviare un commerce bisogna minimizzare i rischi.

Ma per quanto riguarda le piattaforme cms mi sono chiesto: cosa fa scegliere questa piattaforma rispetto ad altre?

Le risposte che mi sono dato sono diverse:

  • Budget relativamente basso per la realizzazione del commerce
    • costi di realizzazione relativamente bassi
    • costi di gestione relativamente bassi
    • costi plugin relativamente bassi
    • costi hosting/server
  • Semplicità di utilizzo e scalabilità della piattaforma
  • Ampio mercato developer a cui richiedere assistenza
  • Avere una piattaforma proprietaria, evitando abbonamenti

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.

Temi Magento 2

Mi capita spesso di lavorare su commerce già realizzati in Magento 2, che a causa di budget bassi in fase di partenza, si ritrovano a dover installare temi già pronti acquistati per pochi euro sui più noti siti (di cui non farò volutamente i nomi).

Ognuno è libero di fare quello che ovviamente ritiene più giusto. Vorrei però aiutare qualcuno a scegliere la migliore opzione, spiegando eventuali problemi che mi sono ritrovato ad affrontare con temi già pronti.

In fase di aggiornamento versione di Magento, ed eventualmente dello stack tecnologico ,il tema potrebbe non avere l’aggiornamento che risolve eventuali problemi.
Mi è capitato diverse volte di ritrovarmi con l’aggiornamento del tema che risultava essere un tema totalmente diverso rispetto alla versione precedente, quindi tutte le modifiche custom eseguite in prima fase erano totalmente da rifare ed alcune volte non erano neanche fattibili.
Le performance, di questi temi, implementano diverse funzionalità che magari al nostro commerce non servono a nulla, ma per averle installate andiamo a creare problemi a livello di performance.

Alcune volte potrebbe essere interessante valutare se implementare qualche funzionalità in meno in prima fase, per magari dedicare delle risorse alla realizzazione di un tema custom.

Magento 2 di base ha come tema Luma, il quale può essere utilizzato già di suo cosi com’è, oppure estendendolo e personalizzandolo in base alle necessità.
In alternativa possiamo trovare dei temi molto performanti, che possono essere personalizzati decidendo quali componenti utilizzare.

Quelli con cui ho lavorato ultimamente per cui mi sono trovato molto bene son i seguenti:

Sono un web developer Freelance (programmatore web) in grado di offrire servizi di consulenza su diverse tipologie di progetti.
Dopo 6 anni di lavoro come dipendente in diverse agenzie di comunicazione, dal 2016 ho deciso di investire soldi e tempo nel mio sogno di diventare libero professionista.